VISITA IL SITO ➜
    blog-hero

    Il noleggio del futuro oggi!

    Scopri di più

    Soluzioni per attenuare l’inquinamento acustico negli spazi di lavoro

    Caterina Fumagalli
    Scritto da Caterina Fumagalli
    il 20 aprile 2021
    tempo di lettura: 6 minuti

    Indice

    1) L’inquinamento acustico negli ambienti di lavoro

    2) Consigli per ridurre il rumore in ufficio

    3) Tre soluzioni fonoassorbenti noleggiabili su Never Buy

    4) Utili elementi decorativi fonoassorbenti

    3) Gli svantaggi dello smart working

    1) L’inquinamento acustico negli ambienti di lavoro

    Studi scientifici dimostrano che il suono influenza psicologicamente e incide inconsapevolmente sul comportamento. Il rumore costante infastidisce e stimola il sistema nervoso, facendo calare la produttività di un lavoratore fino al 70%.

    L’inquinamento acustico negli uffici è un problema diffuso, risolvibile con piccole azioni. Negli scorsi articoli, abbiamo parlato più volte, di come lo spazio dedicato agli uffici sia soggetto ai cambiamenti delle nostre nuove abitudini e alle tendenze.

    Diamo qualche suggerimento, partendo dall’ambiente più comune e più soggetto a questa problematica: l’ufficio open space, lo spazio dove il rumore si propaga su distanze maggiori e la mancanza di privacy ci impedisce di ripararci dalle sorgenti rumorose.

    2) Consigli per ridurre il rumore in ufficio

    Negli uffici open space accade che le persone cerchino di isolarsi creando un proprio spazio o utilizzando le cuffie. Questo è un campanello d’allarme.

    Esistono tre fattori che condizionano il benessere in ufficio: l’illuminazione, la temperatura e il rumore.

    Gli architetti sono chiamati per dare forma a spazi che mettano in condizione le persone di poter lavorare bene. Ecco alcuni accorgimenti per migliorare l’ambiente in cui si vive per gran parte della giornata:

    • Studiare dei layout che facilitino l’interazione dei membri di un team e che al contempo li isolino dagli altri gruppi o dalle postazioni individuali che necessitano di silenzio.
    • Isolare i dispositivi come fotocopiatrici e stampanti, collocandoli in aree dedicate dove possano funzionare senza arrecare suoni fastidiosi.
    • Accertarsi che tutti gli impianti abbiano una coibentazione acustica. La vigente normativa in materia è chiara: c’è l’obbligo di ridurre l’inquinamento acustico prodotto dagli impianti isolando le tubazioni e le condotte avvolgendole con guaine isolanti oppure utilizzando le apposite tubazioni isolate.
    • Tenere in considerazione i criteri e tecnologie innovative presenti sul mercato, che prevedano soluzioni per una pavimentazione che abbia, al di sotto del massetto, un materassino termoacustico in grado di interrompere o quantomeno di attenuare la propagazione delle onde sonore.
    • Utilizzare pareti divisorie o schermi che evitino il riverbero dei suoni, per isolare le sale riunioni dove la concentrazione di più persone genera più rumore o per le postazioni di lavoro fisse. In tal caso è meglio installare i divisori più alti della persona seduta per assicurare un’intimità “visiva”, solitamente variano dai 160 cm ai 170 cm.
    • Selezionare arredi realizzati con materiali che possano attenuare la propagazione delle onde sonore nelle zone comuni. Nelle zone living si consiglia di optare sempre per elementi imbottiti, come divani, pouf e sedie che coniughino funzionalità ed estetica.
    • Utilizzare elementi fonoassorbenti sui soffitti e sulle pareti verticali. Oltre a svolgere una funzione importante, aiuteranno anche nella caratterizzazione degli ambienti.

    3) Tre soluzioni fonoassorbenti noleggiabili su Never Buy

    Proponiamo 3 soluzioni in grado di coniugare design e performance e che non richiedono nessun intervento strutturale, infatti sono elementi modulari, che possono essere facilmente montati e smontati per essere ricollocati in altri spazi e soprattutto sono noleggiabili sul sito di Never Buy!

     

    La Cabina acustica C-SS appartenente alla collezione Citterio Sound System è un sistema articolato di box, schermi e pannellature da rivestimento che migliorano l’assorbimento acustico rendendo ogni spazio di lavoro confortevole e performante. La Cabina Acustica C-SS è 3000 cm x 3000 cm x altezza 2410 cm ed è composta da due pareti fonoassorbenti in tessuto, soffitto fonoassorbente in tessuto ondulato, due pareti vetrate con porta scorrevole vetrata, struttura in alluminio ossidato naturale, luci led perimetrali, luce led centrale, pannelli esterni in nobilitato melamminico. Questa soluzione essenziale ed elegante, permette di creare un’isola serena all’interno di ogni open space.

    Grazie ai pannelli V-Flap, si possono realizzare soluzioni fonoassorbenti a soffitto di grande impatto visivo. Il telaio in acciaio cromato, tenuto in sospensione da sottili cavi metallici, permette di fissare i pannelli in posizione inclinata, disegnano l’immagine di due ali. Attraverso un gioco di posizioni e altezze si possono creare delle composizioni che caratterizzano l’ambiente contemporaneo.

    Botanica, è un sistema di elementi fonoassorbenti composto da un pannello a forma di foglia trattenuto da un supporto in metallo cromato che può essere fissato con diverse inclinazioni. Grazie ad una struttura a telaio che si sviluppa in lunghezza, Botanica può essere posizionato sia a parete che a soffitto.

    4) Utili elementi decorativi fonoassorbenti

    Green Office Divider proposti dall’azienda Buzzi Space, specializzata in arredo da ufficio con un focus riguardante l’acustica, è un’ottima soluzione per coniugare la riduzione dell’inquinamento acustico e il design di interni.

    I BuzziPlanter sono infatti dei vasi imbottiti in 6 differenti dimensioni, realizzati in schiuma ad alta densità, in grado di assorbire il rumore eccessivo negli spazi aperti e al contempo decorare con microambienti verdi gli spazi di lavoro. Ogni vaso ha un contenitore di plastica incorporato, che lo rende adatto sia per piante reali che artificiali. È raro trovare in commercio dei vasi che siano esteticamente belli e facilmente declinabili secondo differenti tipologie d’ambiente. I BuzziPlanter sono un'ottima soluzione!

    5) Lampade: l’unione tra comfort visivo e acustico

    Il mercato dell’illuminazione da qualche anno propone interessanti lampade, in grado di coniugare il comfort luminoso con la funzione di assorbimento sonoro. La lampada u-light acoustic ad esempio, è facilmente declinabile a stili architettonici diversi, dal contract al domestico, grazie al suo design minimalista creato dalla combinazione di forme geometriche. Attraverso l’installazione di un pannello fonoassorbente, questa lampada a sospensione permette di ridurre i rumori fino al 49%. Questo prodotto è proposto in 3 misure: 90cm, 120cm e 160 cm.

    Se si cerca una lampada da terra fonoassorbente e divertente, certamente lontana dal concetto minimal, la scelta giusta è Eden. Ispirata al mondo della natura, la collezione di Rotalia gioca con la forma delle foglie degli alberi dietro la quale si cela magneticamente una lampada a LED con interruttore e dimmer touch. Le lampade fonoassorbenti Eden sono disponibili in ben 32 colori personalizzabili su richiesta.

    Queste idee sono soluzioni rapide e con costi contenuti che possono essere adottate facilmente per ottenere delle correzioni acustiche, creando il connubio perfetto tra funzionalità e design. Non sono necessari grandi budget per evitare la risonanza in un ambiente chiuso. Per aiutare le persone che trascorrono la maggior parte del loro tempo in ufficio, a vivere il proprio spazio in serenità, a volte, bastano piccoli interventi condivisi con il progettista di riferimento.

    Soluzioni per l'ufficio

    Articoli correlati:

    Lascia un commento

    Resta sempre aggiornato!

    Iscriviti alla newsletter

    Resta sempre aggiornato